Come scrivere una lettera motivazionale per l’Università (o il Master)

Università prestigiose, ammissione ad un dottorato, corsi post-laurea con accesso limitato, master a numero chiuso, tesi di laurea con docenti molto ricercati prevedono una selezione all’ingresso.

L’accesso infatti risulta essere vincolato al percorso di studi o professionale del soggetto, ad eventuali esperienze già acquisite. Oltre al curriculum vitae dettagliato, ma comunque oggettivo ed impersonale, in molti casi può essere utile e necessaria una lettera motivazionale.

Si tratta si uno strumento capace di fare la differenza e far cadere proprio su di voi l’attenzione dell’eventuale commissione. Lo scopo dello spazio di oggi è quello di comprendere come preparare una lettera motivazionale per l’Università efficace.

Intestazione e formato

Munitevi di un foglio A4 e tenente a mente che il documento dovrà essere di facile lettura. E’ sempre consigliabile scriverlo al computer utilizzando caratteri standard come Arial o Times New Roman con carattere 12, ma se non avete la possibilità o preferite optare per un documento scritto a mano prestate attenzione alla calligrafia.

Sul fronte dei contenuti Iniziamo dicendo che come per ogni lettera, occorre in alto a destra specificare il destinatario. Attenzione a riportare per intero il nome dell’Istituto, dell’ateneo o del professore di riferimento.

Eventuali dimenticanze o errori in questa fase sono infatti lette come segno di superficialità e di scarsa attenzione al dettaglio e potrebbero quindi penalizzarvi ancora prima di iniziare.

Non dovranno poi mancare la data, utile nel caso specifico anche a dimostrare che la lettera è stata redatta per tempo in caso di candidature da inviare entro una determinata data, e l’oggetto che aiuterà il lettore ad inquadrare subito la vostra richiesta.

Introduzione e corpo della lettera

A questo punto possiamo spostarci sull’introduzione della lettera. Se la lettera accompagna una candidatura spontanea, sarà necessario specificare come si è venuti a conoscenza del corso o del docente e per quale motivo si è deciso di puntare sullo stesso.

Qualora invece si scriva in risposta ad un annuncio, sarà importante chiarire con precisione a quale messaggio si sta rispondendo (e dunque a quale corso si vuole accedere).

Arriviamo così al corpo della lettera. Lo scopo della lettera motivazionale è quello di colpire l’interlocutore mostrando alcuni dettagli che rendano il vostro profilo diverso dagli altri.

Determinazione, curiosità, entusiasmo e versatilità sono solitamente i valori più apprezzati e che quindi devono trasparire. La lettera quindi dovrà far trasparire questi aspetti del vostro carattere, senza tuttavia diventare una mera ripetizione del curriculum vitae o un semplice elenco delle vostre esperienze di vita.

In caso di bando, sarà opportuno andare a rileggere i requisiti richiesti con il fine di evidenziare proprio le qualità che vengono ricercate. Dopo una veloce presentazione generale, si dovrà dunque passare ad una analisi più accurata e approfondita del vostro modo di essere.

La domande alla quale rispondere per aiutarsi è “perchè merito questa possibilità”. La risposta a questa domanda rappresenterà il corpo della lettera. Ovviamente il tipo di richiesta contenuta nella lettera influenzerà le sfumature che la stessa dovrà avere.

Vari tipi di lettere motivazionali universitarie

Scrivere una lettera di ammissione ad una laurea triennale, deve portare il soggetto a dimostrare con efficacia come lo stesso voglia intraprendere un determinato percorso.

Il soggetto non ha in questo caso alle spalle probabilmente grosse esperienze, se non la scuola superiore e magari qualche corso specifico. La lettera potrà quindi puntare esclusivamente sull’aspetto motivazionale. Perché voglio intraprendere questa strada? Cosa mi spinge in questa direzione? Perché penso che il mio livello di motivazione resterà alto anche negli anni? Queste sono solo alcune delle domande che nella lettera dovrebbero trovare risposta.

La lettera che accompagna la richiesta di ammissione ad una laurea specialistica o ad un master, potrebbe avere invece una sfumatura diversa. Chi la scrive infatti ha alle spalle una più seria conoscenza del tema di cui sta parlando, una maggiore consapevolezza, una competenza diversa. Al mero entusiasmo, dunque, si dovranno aggiungere delle note che facciano capire come il soggetto già durante il suo percorso precedente di studi abbia mostrato interesse e coinvolgimento per il percorso.

La lettera che accompagna una richiesta di tesi dovrà fondere insieme passione per la materia, consapevolezza che nasce dal passato percorso di studi e interesse profondo anche per il relatore o per i suoi studi. In questo caso infatti la domanda che dovete farvi è “Perché il prof dovrebbe scegliere proprio me in relazione alla sua materia? Cosa potrebbe trovare in me di diverso rispetto a quanto offerto dagli altri candidati”.

Rispondere a questa domanda e mettervi nei panni di chi leggerà la vostra risposta vi permetterà di stilare una lettera efficace.

Stile e conclusioni

Sul fronte dello stile si consiglia in tutti i casi un testo in prima persona ovviamente, scorrevole e con toni non troppo arroganti. E’ importante infatti mostrare le proprie competenze, ma chiarendo sempre come ci sia spazio per nuove conoscenze ed esperienze.

Lo schema rimane il medesimo anche nel caso in cui venga richiesto di preparare una lettera motivazionale in inglese. Il modello lettera motivazione che troverete di seguito vi aiuterà a chiarire eventuali dubbi.

Riassumendo dunque, la lettera motivazionale dovrà contenere tutte le informazioni su i voi e sul vostro modo di essere in maniera discorsiva e in maniera tale da evidenziare le vostre peculiarità, le stesse che potranno permettervi di ottenere quanto richiesto.