Come scrivere una Lettera di dimissioni volontarie senza preavviso

Quasi sempre, le dimissioni sono legate ad un periodo di preavviso che il lavoratore è tenuto a dare al datore di lavoro, al fine di permettergli una adeguata organizzazione delle sue attività.

Vi sono, tuttavia, delle situazioni in cui il preavviso risulta impossibile. Capiamo dunque come fare per preparare una lettera di dimissioni senza preavviso o con esonero di preavviso.

Lettera di dimissione senza preavviso

La lettera di dimissioni senza preavviso è quella che si invia nei casi in cui un lavoratore non ha la possibilità di garantire il periodo di preavviso previsto dal contratto.

Si tratta dunque di dimissioni che partono il giorno stesso della consegna o comunque a stretto giro dalla stessa. Non adempiendo dunque all’obbligo di preavviso, il lavoratore deve dichiararsi consapevole del fatto che potrebbe essere soggetto a penali.

Attenzione come sempre a considerare, come la missiva di licenziamento, con o senza preavviso, è da intendersi atto puramente formale, e che la procedura effettiva di licenziamento deve essere operata unicamente online, sul portale del Ministero del lavoro.

Dopo queste doverose premesse, entriamo nel vivo della lettera vera e propria. Il format vi aiuterà ad avere tutti i dettagli necessari per la preparazione di questa lettera, ma ci sono alcune cose che è bene sapere e ricordare.

Iniziamo con il precisare che essa dovrà contenere per prima cosa i dettagli del lavoratore, e dunque nome, cognome, indirizzo completo, CAP, città; si potrà poi proseguire con i dati dell’azienda (anche in questo caso, ragione sociale, indirizzo completo di CAP e città).

Per facilitare la gestione della corrispondenza, è necessario specificare in maniera chiara l’oggetto, che arà appunto “dimissioni”.

Il testo dovrà contenere il numero della matricola del dimissionario e specificare la sua volontà di presentare le dimissioni in quella data, senza poter rispettare il periodo di preavviso. Data e firma competeranno il tutto.

Lettera di dimissione con esonero di preavviso

Una ulteriore situazione è quella che si verifica nel caso in cui un dipendente voglia rassegnare la sue dimissioni e chiedere in maniera ufficiale all’azienda di essere esonerato dall’obbligo di preavviso che, come anticipato, è sancito dal contratto stesso.

L’azienda ovviamente in base alla propria situazione, al rapporto con il dipendente e ad altri fattori potrà valutare se accettare o meno la richiesta del datore di lavoro.

Per inoltrare questo tipo di richiesta è sufficiente compilare il format allegato che conterrà i dati del dimissionario, i dati dell’azienda e la richiesta, corredata del numero di matricola del dipendente, di dimissioni irrevocabili e volontarie, oltre alla gentile ed esplicita richiesta di essere esonerato dal periodo di preavviso e dal pagamento di eventuali penali in mancanza dello stesso previste.