Come scrivere una lettera di presentazione

La lettera di presentazione è un testo attraverso il quale un soggetto di fatto parla di sé, delle proprie competenze, del proprio modo di essere, ovviamente focalizzandosi su caratteristiche diverse in base a quello che è il motivo che lo ha portato a preparare la lettera stessa.

Capiamo insieme dunque cosa dire e come scrivere una lettera di presentazione, cosa tenere in considerazione, a quali aspetti dare risalto e ovviamente come una lettera di presentazione cambia in base alla sua destinazione.

Formato, carattere e impostazione

Indipendentemente dalla sua destinazione, la lettera di presentazione dovrà sempre essere redata su foglio bianco A4, in carattere 12 (al massimo 14 qualora il testo sia molto breve) e utilizzando caratteri standard e ben leggibili quali Times, Arial, Times New Roman.

Una unica eccezione è rappresentata dalla lettere di presentazione rivolte a realtà artistiche o comunque a contesti nei quali il colore e la personalizzazione sono importanti. In questi casi, infatti, colori, caratteri particolari o addirittura scrittura a mano potrebbero rappresentare un plus.

Sul fronte dell’impostazione, specifichiamo che non vi sono regole, ma il testo deve essere pensato per essere il più leggibile possibile. Questo vuol dire che in base al contenuto dovrete valutare di dividere l’elaborato in paragrafi, utilizzando eventualmente dei grassetti che possano aiutare in fase di lettura.

La lettera di presentazione che accompagna il curriculum vitae

Come accennato, sono diverse le situazioni in cui può sopraggiungere la necessità di preparare una lettera di presentazione. La prima, che è anche la più frequente, è quella che vede la lettera di presentazione accompagnare il curriculum vitae.

Siamo dunque nell’ambito della ricerca di lavoro e in questo caso la lettera dovrà illustrare e rendere più “umano” il cv.

Se il curriculum infatti è un semplice elenco delle proprie esperienze, la lettera di presentazione è un documento che “spiega” il cv, ne evidenzia ogni punto e si concentra anche su quello che è il valore aggiunto derivato appunto da ogni singola esperienza nominata.

E’ proprio grazie alla lettera di presentazione che le esperienze si legano, prendono forma e delineano davvero il candidato.

Come preparare la lettera di presentazione per candidarsi ad un annuncio di lavoro

Dal punto di vista pratico dunque la lettera di presentazione che accompagna il cv dovrà riportare per prima cosa in maniera discorsiva le esperienze maturate, ovviamente focalizzandosi su quelle che hanno qualcosa di affine sul lavoro che si mira ad ottenere; in secondo luogo si potrà parlare del proprio profilo a 360 gradi, unendo dunque alle competenze tecnico-lavorative quelle personali e relazionali; in chiusura sarà opportuno specificare perché, alla luce di quanto detto, si pensa di essere adatti a ricoprire quel ruolo.

Per identificare i contenuti corretti sui quali puntare, sarà fondamentale documentarsi sulla posizione aperta, oltre che sulla tipologia di azienda e sui suoi valori, in modo da delineare un quadro quanto più coerente con quello aziendale.

Lettera di presentazione per Università/ Master/Erasmus

La lettera di presentazione è un documento utile anche nei casi in cui si voglia avere la possibilità di accedere a percorsi di studio a numero chiuso, in Italia o all’estero. Attraverso questo scritto infatti il soggetto avrà la possibilità di esternare i suoi desideri, le sue motivazioni, i suoi “valori aggiunti” che lo rendono appunto adatto al percorso di studi al quale si sta candidando.

Visto che siamo ancora nel settore della formazione, è possibile che il soggetto non abbia maturato particolari esperienze di vita o di lavoro, ma vediamo nelle prossime righe cosa può dire nella sua lettera di presentazione e in che modo.

Come preparare la lettera di presentazione per accedere a un corso di specializzazione

La lettera di presentazione volta a richiedere l’accesso ad un corso dovrà essere un documento volto a far emergere in primis la vostra voglia di fare e di mettervi in gioco.

Dopo dunque una presentazione generale, dovrete puntare sulla voglia di intraprendere quel percorso, su cosa per voi quel corso di studi rappresenti non solo nel presente, ma anche in ottica futura per le possibili porte che potrebbe offrirvi.

Eventuali hobby o passioni affini al percorso di studi, dovranno essere citati, dal momento che potrebbero avvalorare la tesi che state portando avanti, ovvero la convinzione di essere adatti a quel ruolo.

Qualora vi stiate candidando ad un corso in lingua straniera o in territorio estero, valutate la possibilità di redigere la lettera anche in una lingua che non sia l’italiano.

Conclusioni

Il format in allegato rappresenta una utile traccia per aver ben chiaro come preparare una lettera di presentazione e non dimenticare nessun punto.

Riassumendo, comunque, non vi resta che ricordare due punti salienti. Il primo è quello legato alla presentazione del vostro profilo, il secondo ai possibili legami tra voi e la posizione (lavorativa o scalastica) che volete ricoprire.