Come scrivere una lettera di dimissioni (con e senza preavviso)

La lettera di dimissioni è lo strumento attraverso il quale un dipendente rende chiara la propria volontà di rinunciare ad un impiego in maniera libera e volontaria.

A differenza di quanto accadeva qualche anno fa, oggi le dimissioni vere e ufficiali devono essere inviate telematicamente e quindi compilando un format online.

Vediamo però meglio come compilare il format e come comunicare (in anticipo) al proprio titolare le nostre volontà.

Le dimissioni online

Dal 2016 come accennato è prevista in caso di dimissioni la presentazione telematica delle stesse, seguendo la procedura fissata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Dimissioni ed eventuale revoca sono dunque regolamentate in maniera chiara e precisa e la trasmissione dovrà essere effettuata tramite una apposita area a cui accedere tramite SPID.

L’eventuale revoca sarà possibile entro 7 giorni dall’invio della richiesta, superati i quali la richiesta è da considerarsi non revocabile.

Lettera di dimissioni con preavviso

Indipendentemente dalla procedura “ufficiale” è opportuno comunicare per tempo al datore di lavoro le proprie volontà e anticipare dunque la propria decisione con strumenti “non ufficiali”, come ad esempio la lettera d dimissioni con preavviso.

Questo documento dovrà contenere necessariamente alcuni dati necessari per l’identificazione dei soggetti coinvolti.

Per prima cosa deve essere chiaro il soggetto al quale la lettera è destinata, ovvero il datore di lavoro che deve essere esplicitato con nome, cognome, recapiti, ragione sociale.

Altro blocco importante di informazioni, è quello relativo ai dati del dipendente, che dovrà includere nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, matricola aziendale.

Solo a questo punto si potrà passare alla lettera vera e propria che dovrà specificare la volontà del soggetto di presentare le sue dimissioni ed indicare anche la data ultima di servizio, tenendo appunto conto del periodo di preavviso previsto dal contratto.

E’ bene ricordare che la lettera dovrà anche avere uno spazio da riservare alle firme del datore di lavoro e del dipendente.

Lettera di dimissioni senza preavviso

Diversa è l’impostazione da dare alla lettera in caso di dimissioni senza preavviso. In questo caso infatti il lavoratore dovrà specificare la sua impossibilità di garantire il periodo di preavviso.

Il lavoratore dunque in questo caso dovrà specificare la sua situazione e dichiarare di essere consapevole di poter andare incontro a possibili penali.

In alternativa potrà richiedere di essere esonerato dal periodo di preavviso. In ogni caso anche in questa situazione la lettera dovrà contenere i dati dell’azienda, quelli del lavoratore e appunto l’oggetto della richiesta.